Equitazione: torna Milano Jumping Cup all’Ippodromo San Siro – Sport


(ANSA) – MILANO, 16 GIU – Torna la Frecciarossa Milano
Jumping Cup, che andrà in scena nel Teatro del Cavallo
dell’Ippodromo di San Siro dal 24 al 26 giugno per la sua
seconda edizione. Il Concorso guadagna una stella rispetto al
2021 (sarà un Csi4*) con una squadra organizzatrice che, oltre
al gruppo Snaitech (ideatori e “padroni di casa” dell’Ippodromo
di San Siro), vedrà nel 2022 protagonisti anche RCS Sport, Sport
e Salute, Fise e Frecciarossa, brand ‘Alta Velocità’ di
Trenitalia che diventa title sponsor della Milano Jumping Cup.
   
Una collaborazione organizzativa importante anche in prospettiva
futura e verso la prossima edizione, quando la MJC cambierà
d’abito indossando le vesti del Campionato europeo 2023.
   
Un evento (trasmesso da Sky Sport) il cui tema principale
resta quello riassunto nell’hashtag #1horse1world, che con il
ritorno del pubblico diventa #1horse1world4you: il Comitato
organizzatore dell’evento milanese ha deciso di offrire la
completa gratuità d’ingresso a tutti. Rispetto all’edizione
d’esordio l’evento si presenta con un montepremi complessivo di
250.000 euro (100.000 in più) e con la partecipazione di 14
nazioni (10 nel 2021) rappresentate da 175 cavalieri e amazzoni
con 240 cavalli. Tra i ‘top rider’ in gara spiccano gli svizzeri
Martin Fuchs, numero uno del ranking mondiale, e Steve Guerdat,
campione olimpico di Londra 2012, mentre l’Italia si presenta al
via con 38 amazzoni e cavalieri. Tra i partner ci saranno
Fastweb, Lexus, Dils, Var Group, Kep, Safe Riding, Prestige
Italia, Tenute Sella e Unahotels.
   
“La scorsa edizione, nonostante fosse senza pubblico, è andata
molto bene. Per la seconda edizione, in cui tornerà il pubblico,
dovevamo ingrandire il nostro team e si sono aggiunti diversi
supporter, da Trenitalia e RCS fino alla Fise e a Sport e
Salute. Parliamo di un grande evento che non sarà solo sportivo,
ma anche di costume: non facciamo pagare nessun biglietto,
quindi spero che i pratoni di San Siro saranno pieni”, le parole
di Fabio Schiavolin, ad di Snaitech. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA